I brufoli sul sedere perchè vengono?

I brufoli sui glutei sono un disturbo che colpisce principalmente le donne, ma anche gli uomini non ne sono esenti, creando un disagio sia fisico che estetico. Si tratta di un problema cutaneo che causa un vero fastidio nella zona interessata.
Con questo termine ci si può riferire sia a manifestazioni dell’acne, quindi comedoni chiusi oppure ci si riferisce ad una manifestazione più estesa chiamata foruncolosi.

Ma quali sono le cause?

Esse possono essere molteplici; quando sono una manifestazione dell’acne sono scatenate da un’infezione batterica delle ghiandole sebacee, quando, invece, si tratta dei punti bianchi, o comedoni chiusi, normalmente sono dovuti ad una iperattività a carico delle ghiandole pilo-sebacee.
La foruncolosi invece si scatena in seguito ad infezioni batteriche dovute generalmente allo Staphilococco aureus che attacca i tessuti e i follicoli piliferi causando un’infiammazione diffusa.
I fattori che predispongono all’infiammazione di questi tessuti generalmente sono da ricercare nella predisposizione genetica, in disfunzioni ormonali e anche nell’abbassamenteo delle difese del sistema immunitario.
Altre concause invece possono ricercarsi in una scarsa igiene personale, nell’utilizzo di detergenti a ph aggressivo, anche l’uso di biancheria intima e indumenti troppo aderenti, sintetici e non traspiranti che creano un ambiente umido, possono predisporre alla comparsa dei brufoli nell’area delle natiche.
Stare seduti troppe ore al giorno, alimentazione scorretta ricca di grassi e zuccheri e stress favoriscono o aumentano la formazioni dei brufoli sul sedere.
Però a volte, quelli che ci sembrano brufoli sul sedere possono essere espressione di qualche allergia o irritazione dovute al contatto, ad esempio a sostanze presenti nei comuni detersivi per il bucato, o alle fibre sintetiche di biancheria e indumenti.

Come si manifestano i brufoli sul sedere?

Questi possono manifestarsi come lesioni dure, quasi noduli, arrossati, oppure come lesioni più soffici, dolenti e purulenti, tipici dell’acne.
Le dimensioni variano da pochi millimetri a qualche centimetro, possono essere pochi e sporadici oppure molto numerosi quando si tratta di foruncolosi.
Normalmente tutti i brufoli sul sedere sono infiammati e quindi dolenti, gonfi e arrossati. Spesso danno prurito e in caso di rottura provocano sanguinamento.
Tutto questo può essere aumentato dallo sfregamento con gli indumenti.

Rimedi e cure

In alcuni casi, se la cura non è tempestiva, i brufoli possono trasformarsi in lesioni più serie che provocano cisti o ascessi, pertanto diventa necessario il consulto medico per evitare che restino cicatrici o segni.
Prima di tutto è necessaria una accurata pulizia della cute lavando con regolarità usando detergenti a ph neutro, utilizzare cosmetici esfolianti come scrub per favorire il rinnovamento cellulare.
La comparsa dei brufoli è dovuta anche ad un eccesso di sebo, la sostanza oleosa prodotta dalle ghiandole sebacee, col compito di mantenere la cute idratata e protetta dall’attacco di agenti esterni.
Quando il sebo è prodotto in eccesso si possono appunto manifestare questi brufoli, quindi può essere utile agire sull’eccesso di sebo utilizzando detergenti specifici per far si che il brufolo si asciughi fino a scomparire.
Possono essere utilizzati anche dei trattamenti a base di estratti naturali per combattere questi fastidi, come impacchi con argilla verde ventilata, sostanza con potere antinfiammatorio creando un impacco da applicare sulla zona, magari mischiando qualche goccia di olio di tea tree che ha potere antibatterico naturale.
In caso di disturbi più gravi diventa necessario il trattamento farmacologico, dopo il consulto medico, con creme a base di principi attivi antibatterici, ad esempio il perossido di benzoile o farmaci antibiotici e corticosteroidi ad uso topico.
Nei casi più estremi, quando diventano cisti, il dermatologo potrebbe decidere di asportarli con una piccola incisione, è bene evitare il fai da te che potrebbe provocare la formazioni di lesioni e cicatrici ben più gravi.
I soggetti predisposti alla formazione di questi inestetismi possono adoperare degli accorgimenti che ne prevengono la formazione.
Quindi bisogna evitare di schiacciare o rompere i brufoli per non far estendere l’infiammazione, bisogna mantenere una precisa igiene personale, prestando attenzione ad asciugare bene la zona con un asciugamano morbido facendo attenzione a tamponare, non sfregare; è ancora consigliabile utilizzare biancheria e indumenti in fibra di cotone o generalmente fatti di tessuti naturali, adottare un’alimentazione corretta ed equilibrata evitando cibi grassi, dolci e zuccherati, quando possibile fare sport ed evitare di stare seduti troppo a lungo, ridurre lo stress ed evitare l’uso di rimedi della nonna come spalmare il dentifricio sui brufoli.

La classifica dei 10 sport consigliati da praticare in periodo di distanziamento sociale

Il 2020 è un anno complicato e decisamente innovativo sotto tanti punti di vista.

Nonostante questo periodo difficile è necessario tenersi in forma in modo tale da evitare i chili di troppo che risultano decisamente fastidiosi.

Inoltre è importante praticare sport per avere una forma smagliante e per dimagrire e tonificare il corpo allo stesso tempo.

In questa guida abbiamo come obiettivo quello di mostrarvi la classifica con i 10 sport più consigliati da praticare nel periodo di distanziamento sociale.

Classifica dei 10 sport consigliati da praticare in periodo di distanziamento sociale

Il Covid-19 ha portato con sè una serie di problematiche sia a livello funzionale che psicologico.
É importante perciò tenersi in allenamento soprattutto dal punto di vista fisico, per rinforzare la propria autostima e per migliorare in modo particolare lo stile di vita.
Ma quali sport si adattano a uno stile di vita più casalingo? Tra gli sport che si posso praticare spiccano:

  • Salto dalla corda
  • Yoga e Pilates
  • Stretching
  • Allenamento con lo step
  • Flessioni sulle braccia
  • Ballare
  • Corsa sul posto
  • Corsa all’aperto
  • Addominali
  • Squat

Perchè è importante fare sport nel periodo di distanziamento sociale?
É consigliato frequentare e praticare sport per il proprio benessere, grazie al movimento fisico vi è la possibilità di evitare numerose malattie e problemi a livello salutare.

Attraverso queste attività fisiche potrete ottenere numerosi vantaggi e benefici.
Se venite da un periodo di inattività è essenziale iniziare ad eseguire una serie di allenamenti per riuscire ad avere un risultato ottimale dal punto di vista fisico.

Tutto quello che bisogna fare è non realizzare degli assembramenti in pubblico, è consentito svolgere numerose attività all’aperto a distanza di sicurezza.

Avere cura di se stessi e del proprio fisico è importante, per questo vi consigliamo di non abbassare mai la guardia e di iniziare a riprendere in mano la vostra vita.
A causa della pandemia molte persone soffrono del problema legato all’obesità e ai chili in eccesso e a seguito al periodo chiusi in casa è fondamentale eseguire degli esercizi fisici.

Al fine di limitare la sedentarietà è opportuno praticare sport, soltanto attraverso il movimento riuscirete ad ottenere un risultato ottimale.
Avere uno stile di vita corretto vi offre la possibilità di condurre una vita sana ed equilibrata, per questo è utile riuscire a migliorare il proprio aspetto fisico e psicologico.

Fare sport oltre al corpo, aiuta la mente, che in questi ultimi tempi ha subito delle difficoltà a seguito del COVID 19.
Avere una vita libera dalle restrizioni casalinghe è fondamentale per riuscire ad ottenere uno stile di vita sano ed equilibrato.
Certo potrebbe sembrare difficile ma in fin dei conti se ci si pensa in modo oggettivo, il problema è solo un fattore psicologico.. uscire dalla propria confort-zone non è mai facile ma è proprio quando si riesce a farlo che si scoprono nuove opportunità e abitudini che possono anche piacerci e aprire nuovi orizzonti.
Provare per credere.

present perfect come si forma

Past simple e Present Perfect

Il PAST SIMPLE (in Italiano: “Passato Prossimo”), descrive solo qualcosa che è avvenuto oppure che è iniziato e finito nel passato.

Ma come andiamo a vedere come si forma sia per i verbi regolari che quelli irregolari:

– Per i verbi regolari il Past Simple si forma aggiungendo “-ed” alla forma base come per esempio “open – opened”;

– Per i verbi che finiscono con una sola “e”, invece, si aggiunge la “d”: “Love – loved”;

– I verbi terminanti in una vocale accentata + una consonante, raddoppiano la consonante finale ed aggiungono “-ed”: “Stop – Stopped” o “Admit – Admitted”;

– Per i verbi terminanti in una vocale + “L”, si raddoppia la “L” e si aggiunge “-ed”: “Travel – Travelled”;

– I verbi che terminano in consonante + “y”, trasformano la “y” in “i” ed aggiungono “-ed”: “Study – Studied”.

Per il PAST SIMPLE dei verbi irregolari invece bisogna imparare la seconda forma del paradigma verbale.

 

USO DEL PAST SIMPLE

 

Come già detto prima il PAST SIMPLE indica un qualcosa di concluso e le espressioni di tempo che solitamente vengono usate con il Past Simple sono:

– AGO (fa):

I went to London one year ago;

– YESTERDAY – LAST WEEK ecc:

I met Jhon yesterday

I saw this film last week

– AT + orario

He arrived at eight a.m.

– IN + anno/stagione/mese

I bought this t-shirt in 2015

– FROM… TO…

I lived in London from 2004 to 2010

– WHEN?

When did you go to Paris?

– FOR (per indicare quanto tempo ho fatto qualcosa nel passato)

I played football for four years

Il PRESENT PERFECT (che è un tempo verbale della lingua Inglese composto), collega il passato al presente. In particolare descrive qualcosa che ha ancora una relazione con il presente.

Il Present Perfect si costruisce con due elementi:

PRESENTE DEL VERBO “HAVE” + PAST PARTICIPLE (Participio passato)

ESEMPIO: I have written / She has visited.

 

USO DEL PRESENT PERFECT

 

Come dicevamo prima il Present Perfect si usa per indicare azioni accadute in un passato indefinito, che continuano nel presente o che hanno ancora conseguenze nel presente.

Molto spesso il present perfect si usa con espressioni di TEMPO INDEFINITO.

Per semplificare la spiegazione possiamo tenere a mente la formula “RED”:

– La “R” sta per RECENT ACTION (Azioni Recenti) e si usa con:

Recently (recentemente);

Lately (ultimamente);

Just (appena);

Already (già);

Yet? (già?);

Not..yet (non ancora);

Today (oggi);

This week / month / year..

– La “E” sta per EXPERIENCES (Esperienze) e si usa per parlare di esperienze fatte o non fatte senza specificare quando. E si usa con:

Ever (mai?);

Never (mai);

Always (sempre);

Once (una volta);

Twice (due volte);

Three times (tre volte);

So far (fin’ora);

It’s the first / second / third time …

– E infine la “D” che sta per DURATION ed indica un’azione che è iniziata nel passato ma che continua ancora nel presente (in Italiano corrisponde ad un verbo al presente) e in questo caso è seguito da:

  1. FOR + Periodo di tempo:

He has studied Italian for 4 years;

  1. SINCE + il momento in cui è iniziata l’azione:

He has studied Italian since 2005.

 

LE FORME DEL PRESENT PERFECT

 

present perfect come si forma– AFFERMATIVA: Soggetto + HAS/HAVE + Participio passato;

– NEGATIVA: Soggetto + HAS/HAVE + NOT + Participio passato;

– INTERROGATIVA: HAS/HAVE + Soggetto + Participio passato.

Per chiedere “da quanto?” o “da quanto tempo? si usa “HOW LONG?”:

How long have you studied English?

How long have you known him?

Quindi per:

– PAST SIMPLE (finito) funziona così:

I saw Erika YESTERDAY;

Sara met Ivan IN 2005;

– PRESENT PERFECT (non finito) funziona così:

I haven’t seen Luca THIS WEEK;

Sara has known Ivan SINCE 2005.

 

Leggi maggiori dettagli sull’uso del present perfect sul sito Inglese Dinamico

offerte camere da letto complete

Come arredare una camera da letto: 3 stili originali

La camera da letto, più di altri ambienti della casa, ci rappresenta ed è il riflesso del nostro modo di vivere.

Gli stili di arredamento adatti alle camere da letto sono i più svariati, ma ce ne sono tre in particolare che stanno andando per la maggiore. Vediamo insieme quali sono.

 

STILE NORDICO SCANDINAVO

 

camere da letto moderneSi tratta di uno stile che rispecchia alla perfezione l’esigenza della società attuale di togliere anziché aggiungere.

A differenza che in passato, infatti, oggi possediamo di tutto e di più e ciò fa sorgere spesso l’esigenza di fare spazio ed organizzare gli spazi domestici, affinché siano funzionali e pratici da pulire.

Lo stile nordico, com’è facile intuire, ha origine nel Nord Europa, territorio in cui, date le temperature estremamente rigide, è nata l’esigenza di dar vita ad abitazioni calde ed accoglienti.

E’ uno stile che si caratterizza per l’ampio ricorso ad elementi naturali, primo tra tutti il legno (preferibilmente in tonalità chiare) e alle linee pulite.

Gli spazi sono organizzati in modo funzionale e all’esterno degli arredi sono presenti pochi suppellettili.

I tessuti sono prevalentemente lino e cotone ed i colori utilizzati sono tendenzialmente neutri, anche se può risultare gradevole, secondo il contesto, il ricorso ad un colore acceso (come un verde acido o un giallo limone) ma a piccole dosi e purché non sia dissonante con il resto dell’ambiente.

Molto usati i disegni geometrici per copriletti e tappeti, che danno ulteriore risalto alle linee essenziali e al minimalismo che questo stile, tradizionale ed innovativo allo stesso tempo, porta con sè.

 

STILE ZEN

 

Lo stile zen o nipponico nasce nei paesi asiatici ma, come il precedente, è uno stile minimale e legato alla funzionalità degli arredi.

Via libera ad elementi BIO quindi, come tendaggi e copriletti che regalano ad ogni tocco e alla vista conforto e benessere.

I colori possono essere neutri o, per i più fanatici del genere, possono ricordare i colori dei chakra di riferimento, a seconda dello spazio che si va ad arredare( copriletto rosso o arancio, ad esempio).

Per realizzare i letti in questo stile, non si ricorre a colle o viti, in quanto le strutture vengono semplicemente incastrate con un metodo particolare.

Chicche di questo genere di arredamento sono indubbiamente le tende a pannello ed i cosiddetti letti a pedana, molto eleganti ed allo stesso tempo semplici, che si caratterizzano per l’esistenza di una pedana appunto o di piedini di legno su cui poggia direttamente il futon.

 

STILE SHABBY CHIC

 

Si tratta di uno stile molto in voga, d’ispirazione vintage, che si caratterizza per l’utilizzo di materiali di recupero o, in alternativa, mobili nuovi che vengono successivamente “shabbati” e quindi invecchiati.

Via libera quindi a letti in ferro battuto, o in legno lavorato con intarsi o, nella reinterpretazione più moderna, si potrà optare per letti imbottiti ma dalle linee pompose. Parola d’ordine: esagerare!

Stesso discorso per quanto riguarda gli altri arredi della stanza.

Anche l’utilizzo di un letto a baldacchino è un classico di questo stile.

I tessuti sono prevalentemente chiari e nelle tonalità pastello e ci si può sbizzarrire con pizzi, merletti e candele dal sapore vintage e romantico.

 

Fonte: Arredamenti Pignataro

acquista un mobile bagno online

Vendita mobili online : scegli pignataroshop.it

Poiché il tempo è prezioso, gli acquisti on-line sono sempre più utili e necessari.

Perché non ricorrere al web anche per l’acquisto di mobili?

Ecco allora la possibilità di scegliere nella vetrina virtuale di www.pignataroshop.it, per trovare i mobili per tutte le esigenze.

 

Varietà degli arredi

 

Che si debba arredare una casa nuova oppure riarredare una casa, pignataroshop.it offre numerose occasioni per tutti i generi.

Si può scegliere tra gli arredi classici e quelli più moderni e non solo per tutti gli articoli più importanti, ovvero tutti i mobili per interno per ciascun ambiente, ma anche per i complementi di arredo come le scarpiere o le panche o le vetrinette.

Che si tratti di un appartamento di città oppure di montagna, pignataroshop.it offre una vasta gamma di di possibilità nella quale ci sarà sicuramente quella che incontra i propri gusti.

Dalla camera da letto al soggiorno, dalla camera per i ragazzi ai bagni moderni, pignataroshop.it ha una sezione per ogni stanza, in modo che ci possa orientare con facilità all’interno del sito.

Naturalmente pignataroshop.it va incontro ai propri clienti anche per tutti gli arredi per l’esterno.

Esiste una apposita sezione – Giardino – nella quale è possibile scoprire tutto ciò che si potrà acquistare per rendere più bello, pratico e vivibile gli spazi all’aperto.

Sicuramente un ampio giardino dà la possibilità di poter avere un bel tavolo attorno al quale trovarsi nelle giornate di tepore primaverile per cui ecco un catalogo di tavoli, sedie e panche da esterni, in diversi materiali e di colori diversi a cui attingere.

Si può scegliere tra quelli più essenziali o quelli più leggeri o più colorati.

Inoltre, per creare veri e propri angoli di relax, è possible acquistare ombrelloni, dondoli e cuscini, nonchè amache e lettini.

Inoltre, per le giornate in allegra compagnia, è possibile optare tra i numerosi barbecue a gas e carrelli portavivande e, perché la festa continui anche fino a tarda sera, tra le tante e funzionali lampade a LED.

Se si ha a disposizione un discreto spazio, perché non comprare, anche, una piscina gonfiabile? Sarà la gioia dei vostri bambini!

 

Dubbi sugli acquisto di mobili on-line?

 

mobili bagno moderni prezzi Qualcuno potrebbe pensare che non sia il massimo optare per l’acquisto dei mobili on-line.

C’è da fidarsi? E se qualcosa non va bene?

pignataroshop.it è la risposta a quei clienti che vorrebbero recarsi nelle sedi fisiche di Pignataro Arredamenti in via Aurelia 1249/d (Roma) o del secondo mobilificio di Via Paolo Orano 13 (Roma), ma per problemi di orari o logistici non riescono a farlo.

Dando con calma un’occhiata al sito, si possono vedere articoli verso i quali si era già indirizzati e articoli ai quali, invece, non si era pensato e che possono essere la giusta soluzione per la casa.

I mobili acquistati on line offrono le stesse garanzie di quelli scelti in negozio e verranno spediti tramite un corriere fidato.

I metodi di pagamento, variegati e molteplici (dal bonifico a Paypal), offrono numerose comodità al cliente.

Tutti i chiarimenti e i dubbi sugli articoli di interesse potranno essere colmati dal personale specializzato, tramite i diversi canali offerti dalla ditta per essere in contatto con i clienti (cellulare, mail, fax, chat e call center attivo fino al sabato compreso).

Altro che viaggi last minute! Ora si va in vacanza con l’app Voyage Privé

Molti pensano che per riuscire ad andare in vacanza senza spendere un patrimonio ci si debba per forza affidare ai viaggi last minute. In realtà quando si avvicina il periodo caldo in tutti sensi – non solo perché estate ma soprattutto perché l’umanità intera si mette in viaggio – riuscire a incastrare le date di quei pochi voli in offerta con qualche camera rimasta libera negli hotel è un’impresa che, se riesce, ha un qualcosa di sovrannaturale.
Chi già ci ha provato nel passato sa molto bene quanto ci si possa innervosire nel tentativo, il più delle volte infruttuoso, di fare coincidere prezzo, date, voli, hotel.  Per non farsi passare la voglia di partire è molto meglio utilizzare le applicazioni di viaggio specializzate. L’app Voyage Privé è lo strumento migliore per organizzare, senza fatica e senza problemi, viaggi in qualsiasi parte del mondo, riuscendo a risparmiare parecchi soldi. Una volta chei si comincia ad usare questa app, non ci sono più last minute e last second che tengano: la convenienza che si ha acquistando i viaggi più esclusivi attraverso l’app di Voyage Privé non la si ritrova da nessun’altra parte. E le destinazioni sono proprio irresistibili, basta dare un’occhiata alle immagini che vengono pubblicate ogni giorno sulla pagina Facebook Voyage Privé per farsene un’idea molto chiara.

I vantaggi di usare un’app di viaggio
Il segreto di un app utile sta nella praticità: se l’applicazione è facile da usare la si usa, altrimenti nessuno ha voglia di perdere tempo. Usare l’app Voyage Privé è semplicissimo. Prima la si scarica gratuitamente sullo smartphone, lo si fa sia da iTunes se il telefono è un iPhone oppure ci si collega allo store di Google Play per la versione Android. A quel punto ci si registra con la propria mail o con il profilo Facebook. Da quel momento si è membri del più importante club europeo di vendita on line di viaggi e si può consultare l’intera vetrina di occasioni: un’infinità di proposte di vacanza a prezzi super scontati. Una volta che sul telefono c’è l’app Voyage Privé si possono fare tutte le ricerche e le prenotazioni vantaggiose che Voyage Privé riserva solo ai suoi membri:

  • si possono consultare tutte le proposte di vacanze esclusive in offerta con sconti che vanno dal 50 a addirittura il 70 per cento del prezzo di listino.
  • si possono leggere tutte le ricche schede che illustrano nei dettagli le informazioni sui viaggi in offerta; si possono visualizzare anche tutte le immagini degli hotel proposti. I resort e gli alberghi che Voyage Privé seleziona accuratamente per i pacchetti vacanza esclusivi, riservati ai membri del club, sono sempre e solo strutture di alta qualità, 4 o 5 stelle.
  • si può procedere immediatamente alla prenotazione del viaggio ed effettuare il pagamento in tutta sicurezza.
  • si ha la certezza di avere sempre sott’occhio tutte le occasioni in corso, senza correre pericoli di lasciarsi scappare l’opportunità di prenotare la vacanza dei propri sogni. I viaggi in offerta vengono infatti messi in vendita a prezzi scontati solo per un periodo di tempo limitato, solitamente si tratta di una settimana, pertanto è fondamentale essere rapidi nel vedere, decidere e prenotare. Ma con l’app Voyage Privé sul telefono diventa molto comodo consultare quotidianamente le offerte e vedere quali sono le vacanze in offerta.

Perché non curiosare su Facebook?
Un buon sistema per tenersi aggiornati e per trovare nuovi spunti di viaggio è seguire pagina Facebook Voyage Privé, dove vengono segnalate ogni giorno nuove occasioni di viaggio, con le foto degli alberghi in offerta, i prezzi vantaggiosi e i commenti degli altri appassionati di viaggio che animano la pagina. Sì perché il bello di curiosare sulla pagina Facebook è anche quello di potere interagire con gli altri viaggiatori della community, cha ha superato i due milioni di fan, farsi dare consigli, confrontare pareri e, una volta tornati dalla vacanza, portare la propria testimonianza.

Le Bellezze d’Ischia

Ischia è sicuramente uno dei posti più belli dell’intero Sud Italia: ecco tutte le sue bellezze da ammirare e che vale la pena vedere almeno una volta.

I parchi termali di Ischia

Una delle principali attrazioni di Ischia non può che essere la nutrita presenza di parchi termali. Molti sono coloro che scelgono questa meravigliosa isola per rilassarsi e godersi le terme.
Un ottimo esempio sono i celeberrimi Giardini Poseidon, attrazione per turisti da ogni parte del mondo, ma anche il Parco Termale Negombo.

Spiagge piacevoli dove rilassarsi
Indubbiamente una isola come Ischia non può che essere l’ideale per coloro che amano il mare.
In tal senso tra le bellezze di questo posto è impossibile non citare le spiagge, sempre ben attrezzate e che danno modo di ammirare un paesaggio molto suggestivo.
La Spiaggia dei Maronti è una delle più famose, così come le spiagge della Baia di San Montano e anche Lido d’Ischia. Tutte possibilità molto allettanti per chi vuole immergersi nella bellezza di questo posto unico in Europa.

I famosi giardini botanici

Tra le caratteristiche più importanti dell’Isola di Ischia non si può non parlare dell’ampia varietà di specie botaniche.
Infatti grazie al clima che si trova a Ischia, qui crescono una serie di piante che sono esemplari unici in Italia.
Motivo per cui i suoi giardini botanici sono sempre molto frequentati da turisti e studiosi. I Giardini La Mortella, così come i Giardini Ravino, sono delle ottime soluzioni per vivere il verde spettacolare dell’isola di Ischia.

Tante mete storiche a Ischia

Anche gli appassionati di cultura possono trovare molte cose da vedere a Ischia.
Molto particolare può essere la visita a La Colombaia, nome della residenza estiva di Luchino Visconti, uno dei più celebri registi italiani.
Così come vale la pena ammirare una delle bellezze storiche più importanti dell’isola, ovvero la Torre di Guevara che viene anche detta di Michelangelo.
Si tratta di punti storici molto cari agli abitanti di Ischia e che vale la pena vedere.

Le meravigliose chiese di Ischia

Ischia si caratterizza anche per essere un’isola molto ricca di chiese. Alcune di esse hanno una storia particolare e sorgono in punti molto suggestivi.
Questo è il caso della Chiesa del Soccorso che si trova a Forio d’Ischia e che sorge direttamente sul mare.
Vale la pena citare anche altre chiese importanti come la splendida Cattedrale di Ischia e la Chiesa di Santa Maria di Portosalvo.

Belvederi suggestivi e particolarmente romantici

Che Ischia sia una delle isole più romantiche in Europa non è certo una novità.
Prova ne sono i tantissimi punti di questa isola campana da cui è possibile ammirare una vista spettacolare.
Ecco perché sono tanti i belvederi caratteristici che affacciano sul mare o che permettono di vedere i punti più belli di Ischia. Ad esempio, salendo sul Castello Aragonese è possibile ammirare tutta la zona del porto con tutti i suoi movimenti e rumori, oltre ad uno scenario paesaggistico mozzafiato.
Questi punti sono l’ideale per chi vuole godersi dei paesaggi che sembrino delle vere e proprie cartoline.

Boschi e natura, punti forti di Ischia

Ischia è anche celebre come l’Isola Verde per via della folta vegetazione che si trova al suo interno. Proprio questa caratteristica fa dei boschi uno dei punti maggiormente attrattivi per i turisti.
Essi non solo costituiscono un punto ideale dove trovare refrigerio, ma anche per passare qualche ora in compagnia.
Le aree boschive sono attrezzate per piacevoli pic-nic tra amici e molti di questi sorgono direttamente sul mare.

I musei per gli amanti della cultura

Chi ama i viaggi culturali può scegliere Ischia per via della ampia gamma di musei che è possibile trovarvi.
In primis bisogna considerare il Museo Angelo Rizzoli, oltre al Museo del Mare che permette di ammirare tutti gli utensili che hanno fatto la storia del popolo ischitano.
Altro esempio di luoghi da visitare a Ischia sono il museo e gli scavi di Santa Restituta.
Ischia è perciò uno dei territori più ricchi dell’Italia meridionale con tantissime bellezze che vale la pena ammirare.

Abruzzo: male le imprese artigiane

Soffrono in Abruzzo le imprese artigiane. Faticano a resistere soprattutto nel Chietino. E’ quanto emerge dalle rilevazioni e dagli approfondimenti condotti di recente da Confartigianato Abruzzo, sulla base di dati UnioncamereInfocamere.

I dati

La situazione fotografata dall’associazione di categoria è relativa allo stato dell’arte al 31 dicembre 2017. Il numero di imprese artigiane registrate presso l’ente camerale è pari a 30.761. Il saldo tra natalità e mortalità è negativo per 600 unità, nel 2017, infatti, le imprese registrate sono state 1.668, quelle cessate 2.268 cessazioni. Il tasso di crescita è pari a -1,9 per cento. Certo, va meglio rispetto alle performance del 2016, quando il tasso perdeva il 2,1 per cento, ma l’Abruzzo si conferma sul fondo della graduatoria nazionale, in compagnia della Sardegna. Dalla parte opposta della classifica (anche se in flessione) si trovano: Trentino Alto Adige (0 per cento), Valle d’Aosta (-0,1 per cento) e Lombardia (-0,4 per cento).

Maglia nera alla provincia di Chieti

Va male soprattutto nel Chietino. Il tasso di variazione, qui, è del -2,5 per cento, un dato che porta la provincia abruzzese a conquistare il centesimo posto della graduatoria nazionale. Alle spalle c’è l’Aquilano (-2,3 per cento, 99ma posizione nazionale), il Pescarese (-1,8 per cento, 90ma posizione) e il Teramano (-1 per cento, 49ma posizione). Darti che non incoraggiano in alcun modo. Più nel dettaglio, a fine 2017, a Chieti, le imprese artigiane registrate sono 8.539: 418 quelle iscritte e 639 quelle cessate non d’ufficio, con un saldo pari a -221 unità. C’è da dire che nonostante tutto il taso di variazione p in miglioramento rispetto al 2016, quando si attestava sul -2,9 per cento. Nella provincia dell’Aquila, invece, le imprese registrate sono 6.907 imprese registrate: 344 quelle iscritte e 504 quelle cessate. Il saldo è negativo e pari a -160. Qui va peggio rispetto al 2016, quando il tasso era al -2,2 per cento. A Pescara le imprese sono 7.361: 430 quelle iscritte e 568 quelle cessate, con un saldo di -138. Anche qui la situazione peggiora rispetto al 2016. Infine, a Teramo i dati parlano di 7.954 imprese artigiane (476 iscritte, 557 cessate), con un saldo pari a -81 unità. Lieve miglioramento rispetto al 2016.

Una mano dal digitale

La rivoluzione insita nel piano Industria 4.0, che porta le aziende, anche quelle artigiane, verso la digitalizzazione dei processi, rappresenta un aiuto importante per l’abbattimento dei costi. Va in questa direzione uno sguardo nuovo verso il ricorso a piattaforme on line, come Giffi Noleggi, anche per il noleggio di piattaforme aeree a Chieti, solo per fare un esempio. Strumenti affidabili e competitivi, che coniugano convenienza e qualità.

Il commento del presidente di Confartigianato Abruzzo

A commentare la situazione delle imprese artigiane è Luca Di Tecco, presidente regionale di Confartigianato. “Ancora una volta Abruzzo maglia nera d’Italia. – dice Di Tecco – Lanciamo un appello alle forze politiche e ai parlamentari abruzzesi che verranno eletti, affinché inseriscano nella propria agenda, tra le priorità, una serie di strumenti e misure per il rilancio dell’artigianato e delle micro e piccole imprese, cuore pulsante dell’economia abruzzese. Il futuro del sistema produttivo regionale dipende anche e soprattutto dalle piccole imprese, che non possono essere abbandonate. In questi giorni le associazioni territoriali stanno incontrando i candidati, per illustrare loro le proposte elaborate dall’associazione. A chi verrà eletto chiediamo un impegno concreto per far sì che l’Abruzzo possa intraprendere davvero la strada della ripresa. Una ripresa che non può prescindere dalle sorti dell’artigianato”.

Piperina forte: funziona davvero per dimagrire?

Dimagrire

La decisione di dimagrire può avvenire per diverse motivazioni. Alcuni vengono spinti da problematiche di salute e dalla necessità di riportare i propri valori del sangue ad un livello accettabile, altri, invece, guardandosi allo specchio non si piacciono più e vogliono tornare ad indossare quei vecchi jeans finiti in fondo all’armadio.
Indipendentemente dalle ragioni, il processo di dimagrimento è lungo e faticoso, necessita di costanza e buona volontà, pertanto è bene modificare radicalmente le abitudini alimentari intraprendendo un percorso più salutare.
I kg di troppo rendono la figura più goffa e comportano una lentezza dei movimenti, per questo motivo è importante dedicarsi ad uno sport o ad una qualsiasi attività fisica dinamica che aiuti anche a bruciare le calorie. Elemento importante in queste situazioni è rappresentato dall’alimentazione che deve essere bilanciata, magra e con il giusto apporto dei componenti nutritivi benefici per l’organismo.
Come aiuto in questo cammino, oltre allo sport e all’alimentazione, è possibile sfruttare il potere di alcune essenze naturali, capaci di accelerare la funzione del metabolismo.

La piperina forte

La piperina forte è un alcaloide ricavabile dal pepe nero, si tratta di quella sostanza che crea quel pizzicore sulla lingua rendendo i cibi immediatamente più gustosi. Tale elemento costituisce un ottimo alleato durante le diete dimagranti in quanto, secondo studi e ricerche in materia, è emerso che il consumo costante di piperina forte, da assumere in maniera concentrata attraverso gli integratori alimentari, consente di velocizzare di oltre il 50% il metabolismo. Molte persone che avevano difficoltà a perdere peso con i metodi tradizionali, grazie alla piperina forte sono riusciti a raggiungere il peso forma in breve tempo, con una conseguente diminuzione dell’appetito.
Trattandosi di un prodotto erboristico, la piperina forte viene tollerata perfettamente dall’organismo e non provoca effetti collaterali, gli integratori sono presenti sul mercato sotto forma di capsule, pastiglie o soluzione liquida, a seconda delle specifiche abitudini degli assuntori.

La recensione

Marta, 41 anni e tre figli, è una tipica donna mediterranea, non troppo alta, formosa e con fianchi pronunciati. Non ha mai avuto un fisico longilineo ma, tra la gravidanza e l’alimentazione disordinata, il peso era aumentato a vista d’occhio con il passare degli anni. Nonostante le diverse diete e le iscrizioni in palestra i risultati tardavano ad arrivare.
Un giorno, durante una visita di controllo, visionando le analisi del sangue, il medico ravvisava un tasso di glicemia troppo alto rispetto al consentito, obbligandola ad una vita più sana e ad un dimagrimento di almeno dieci kg.
Questo episodio rappresenta il campanello d’allarme che porta finalmente Marta alla consapevolezza di prendere di petto la situazione e di impegnarsi attivamente per avere una nuova silhouette. Sempre su consiglio del medico, decide di abbinare al suo piano alimentare il consumo di un integratore a base di piperina forte, da prendere due volte al giorno.
La dieta, lo sport, la vita sana e la piperina forte hanno contribuito a donare a Marta un aspetto bello e affascinante.
La piperina forte, in particolare, ha costituito un aiuto insostituibile per rimettere in moto un metabolismo ormai assopito. Con sacrifici abbastanza affrontabili e il sorriso sulle labbra il risultato non tarda ad arrivare.

Questa recensione sulla piperina forte evidenzia come, anche nelle situazioni più critiche, con peso importante, il combinato effetto della sostanza con gli alimenti assunti ed il movimento consente di perdere peso in breve tempo senza però perdere il tono muscolare. Dimagrire in maniera sana è possibile per merito degli integratori di piperina forte.

Le terme a Ischia

Sin dai tempi degli antichi Romani l’isola d’Ischia è conosciuta per le sue acque termali. Strabone, Plinio, Strazio, Ovidio ne hanno decantato le virtù terapeutiche, ma anche Garibaldi, Arturo Toscanini e Camillo Benso conte di Cavour approfittarono dei loro benefici.

Oggi Ischia è una meta turistica molto richiesta, anche per la particolare posizione geografica, che offre ottime strutture ricettive e splendidi stabilimenti termali.

La storia

L’acqua termale dell’isola di Pithecusa, antico nome di Ischia, era conosciuta già nell’VIII secolo, come testimoniano dei reperti archeologici rinvenuti sul luogo. Si deve ai Romani però la sfruttamento di questa ricchezza con la realizzazione dei primi stabilimenti termali.

Se eruzioni vulcaniche e terremoti cancellarono queste strutture, devono passare molti secoli per trovare nuove testimonianze che parlino delle terme di Ischia. Alla fine del Cinquecento nel trattato “De Rimedi Naturali che sono nell’Isola di Pithecusa, hoggi detta Ischia” il medico calabrese, Giulio Iasolino condusse il primo censimento delle sorgenti termali dell’isola.

Sono il Settecento e l’Ottocento i secoli del grande sviluppo degli stabilimenti termali e delle strutture ricettive, facendo di Ischia una rinomata stazione di cura e di soggiorno.

Le fonti termali

Ischia conta ben 29 gruppi di sorgenti termali, distribuiti in gran parte lungo la fascia costiera, che possono essere distinti in quattro gruppi in base alla composizione e alle proprietà terapeutiche che ne derivano.

La località di Lacco Ameno è caratterizzata da acque salso-solfato-alcaline-calcio-magnesiche che sgorgano ad una temperatura di 40°-45°. Sono indicate nei casi di osteoartrosi, affezioni vascolari, disfunzioni delle ghiandole endocrine, acne.

Sono invece caratterizzate da temperature molto elevate, che raggiungono addirittura i 90°, le acque salso-bicarbonato-alcaline ipertermali. Queste sorgenti sono in gran parte situate sul territorio comunale di Casamicciola. sono indicate per la cura delle malattie dell’apparato digerente, delle malattie cerebro-spinali, delle affezioni delle mucose respiratorie e dei problemi ginecologici, oltre che per la cura dei postumi di fratture e lussazioni.

Sono di tipo salso-solfato-alcalino oligominerale, invece, le acque che sgorgano nel Comune di Ischia. Vengono impiegate per curare patologie dell’apparato genitale femminile e disturbi della menopausa.
L’ultimo gruppo di acque è quello del Comune di Forio, caratterizzato da sorgenti di acque clorurato-sodiche termali e adatte per curare le malattie del sistema endocrino e di quello respiratorio con le sorgenti Castaldi e Citara dove si trovano dal 1957 Ischia terme Poseidon.

Gli stabilimenti termali

Molti alberghi, hotel e residence sorgono attorno alle sorgenti termali, altri stabilimenti non offrono la possibilità di alloggio ma sono convenzionati con strutture ricettive.

Fra questi ce ne sono anche di convenzionati con il Servizio sanitario nazionale. In base alla patologia da curare, sarà quindi possibile orientarsi su diverse sorgenti termali. Nello specifico si potrà poi optare per diversi trattamenti: si va dai bagni all’ozonoterapia, dai fanghi alle inalazioni, da massaggi subacquei ai bagni turchi.

I centri termali si sono specializzati negli anni, oltre che nella cura di diverse patologie, anche nei trattamenti estetici. Cure, quindi, ma anche wellness, con docce sensoriali, saune, aromaterapia e molto altro ancora.