Step necessari per la tutela di un marchio

DEFINIZIONE DI MARCHIO:

Il marchio è il mezzo per distinguere un determinato prodotto o servizio di una specifica impresa nei confronti di altre imprese concorrenti. L’articolo 7 del Codice della ProprietĂ  Industriale definisce così il concetto di marchio: “Possono costituire oggetto di registrazione come marchio d’impresa tutti i segni suscettibili di essere rappresentati graficamente, in particolare le parole, compresi i nomi di persone, i disegni, le lettere, le cifre, i suoni, la forma del prodotto o della confezione di esso, le combinazioni o le tonalitĂ  cromatiche, purchĂ© siano atti a distinguere i prodotti o i servizi di un’impresa da quelli di altre imprese.”

MARCHIO REGISTRATO:

La registrazione consente all’imprenditore il diritto di usare esclusivamente il marchio, e di impedirne l’uso non autorizzato da parte di altri.

REQUISITI PER LA REGISTRAZIONE

Prima di richiedere la registrazione è necessario che il marchio soddisfi tre condizioni imprescindibili altrimenti non sarà considerato valido:

NUOVO : il segno non deve essere simile o identico ad altri marchi nazionali o internazionali,che hanno un diritto di prioritĂ , marchi notori che possono confondere il consumatore.

DISTINTIVO: non deve contenere denominazioni generiche, o soltanto indicazioni descrittive, deve in sostanza racchiudere il carattere dell’originalitĂ ;

LECITO: non deve contenere segni che siano contrari alla legge, all’ordine pubblico e al buon costume.Il marchio inoltre non può essere ingannevole riguardo la sua provenienza geografica, la sua qualitĂ  o la sua natura in moda da confondere il consumatore.

SOGGETTI CHE POSSONO REGISTRARE MARCHIO

Secondo il Codice della ProprietĂ  Industriale IL MARCHIO può essere registrato da chiunque lo utilizzi o abbia intenzione di utilizzarlo all’interno di una impresa. Possono registrarlo sia le persone fisiche che le persone giuridiche.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA MARCHIO:

Chiunque voglia registrare un marchio deve compilare una specifica domanda (Modulo C, disponibile sul sito http://www.uibm.gov.it ) e depositarla presso una Camera di Commercio,o in alternativa inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, o iscrivendosi al sito www.telemaco.infocamere.it

La domanda deve contenere l’originale del Modulo C e altre quattro copie dello stesso Modulo; una marca da bollo di € 16,00 da apporre sul Modulo C; la ricevuta del pagamento della tassa di registrazione di € 101,00 all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi; e un versamento di € 40,00 per diritti di segreteria intestata alla Camera di Commercio dove si deposita la domanda.

CONTROLLO DELLA DOMANDA:

Dopo aver presentato la domanda, essa sarĂ  soggetta ad un controllo da parte dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi per verificare che sia conforme al dettato degli articoli 148 (ricevibilitĂ  ed integrazione della domanda), articolo 156 (contenuto della domanda) e art. 170 (impedimenti) del Codice della ProprietĂ  Intellettuale.

Superato questo esame, la domanda di registrazione verrĂ  pubblicata nel Bollettino dei Brevetti per invenzioni, modelli e marchi; infine viene emesso dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi un certificato che attesta la registrazione del marchio.

DURATA DELLA REGISTRAZIONE MARCHIO:

La tutela del marchio registrato dura per dieci anni consecutivi, alla scadenza è possibile rinnovarla per altri dieci anni.

REGISTRAZIONE MARCHIO COMUNITARIO:

Un marchio può essere registrato per essere riconosciuto da tutti gli Stati membri dell’Unione Europea, depositando una specifica domanda presso l’Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno con sede ad Alicante, in Spagna. La procedura è molto semplice, ma comporta dei costi piĂą elevati rispetto alla registrazione nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *