storia della Formula 1

F1, la vera essenza delle competizioni motoristiche

La Formula 1, spesso abbreviata in F1, è la massima categoria in assoluto per quanto riguarda le competizioni motoristiche su quattro ruote.

Le vetture, monoposto dalle prestazioni eccezionali, grazie ai loro formidabili piloti danno vita ed epici duelli, i quali spesso si concludono con adrenalinici sorpassi all’ultima curva.

La storia della Formula 1

La F1 nasce nel 1948 e diventa una competizione mondiale due anni più tardi. Le prime stagioni furono dominate dagli italiani Nino Farina e Alberto Ascari e, soprattutto, dall’argentino Juan Manuel Fangio, capace di aggiudicarsi ben cinque titoli in sette anni.

I team a rendersi protagonisti furono la Ferrari, l’Alfa Romeo, la Maserati e la Daimler Benz, reparto corse della Mercedes-Benz.
Negli anni sessanta la Formula 1 fu appannaggio dei team inglesi, tra cui Cooper, Lotus e Brabham, resi invincibili dal talento di piloti del calibro di Jack Brabham, di Jim Clark e di Graham Hill.

Le scuderie britanniche divisero i titoli nel decennio successivo con la Ferrari, la quale si impose per ben tre volte grazie al doppio successo dell’austriaco Niki Lauda e per via della vittoria di Jody Scheckter.

Durante gli anni ottanta McLaren, Williams e Brabham sbaragliarono la concorrenza, vincendo tutti e dieci i mondiali della F1. I piloti a distinguersi furono il brasiliano Nelson Piquet, in grado di conquistare tre titoli, il francese Alain Prost, campione per quattro volte, il solito Niki Lauda e l’astro nascente brasiliano Ayrton Senna, il quale, dopo tre vittorie del mondiale, perse la vita in un terribile incidente di gara nel 1994.

Gli anni novanta, oltre a Senna e a Prost, ebbero degli importanti protagonisti in F1, come Michael Schumacher, campione due volte consecutive con la Benetton, come Damon Hill, figlio di Graham, come Jacques Villeneuve, celebre per la lotta contro Schumacher e come Mika Hakkinen, in grado di aggiudicarsi gli ultimi due titoli del decennio a bordo della McLaren.

La prima decade del 2000 fu dominata dal tedesco Michael Schumacher, vincitore di cinque titoli consecutivi su un’invincibile Ferrari, e dallo spagnolo Fernando Alonso, protagonista con la Renault.

Gli anni dieci della Formula 1 hanno avuto come leader assoluto il tedesco Sebastian Vettel, vincitore di quattro mondiali al volante della Redbull, scalzato nel 2014 da Lewis Hamilton alla guida della Mercedes.

storia della Formula 1
La F1 2015

La stagione della F1 2015 vede schierati ai blocchi di partenza 20 piloti, divisi in 10 squadre, per un totale di 20 Gran Prix che saranno disputati nei più moderni circuiti del mondo.
La F1 2015, dopo il trionfo del britannico Lewis Hamilton, ha ancora una volta nei piloti della Mercedes i grandi favoriti per la conquista del mondiale. A contendere il titolo all’inglese sarà con tutta probabilità il compagno di squadra, il tedesco Nico Rosberg, lo scorso anno secondo nella classifica assoluta.
Le vetture della F1 2015 saranno ancora equipaggiate con i motori V6 Turbo ibridi. Per quanto riguarda la Ferrari, l’arrivo del tedesco Sebastian Vettel, il pilota più titolato attualmente in pista, ha aumentato la considerazione verso il team italiano, comunque ancora distante dall’inarrivabile Mercedes, soprattutto in termini di continuità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *