La Calabria un paradiso da scoprire

La Calabria è una regione conosciuta perlopiù per le sue incantevoli spiagge, ma è anche una terra ricca di tradizioni, storia e cultura tutta da scoprire.
Uno dei luoghi più affascinanti e incantevoli della Calabria si trova nella zona settentrionale della regione ed è il Parco Nazionale della Sila, una spettacolare riserva naturale dove trascorrere momenti di relax immersi completamente nella natura. Il Parco Nazionale della Sila si estende per circa 600 km con ben 66 sentieri tracciati; la Sila è nota per le sue foreste di latifoglie, i suoi altipiani e le sue imponenti montagne dalle cime perennemente innevate.

Il Parco è ricco di flora e di fauna, ed è particolarmente famoso per la presenza del lupo silano, una specie selvaggia che si ritrova solo in questi altipiani. All’interno del Parco della Sila vi sono anche tantissimi musei che raccontano la storia e le tradizioni dell’incantevole regione calabrese: il Museo della Civiltà agrosilvopastorale, delle Arti e delle Tradizioni, il Museo dell’Olio di oliva e della Civiltà contadina e il Museo della Biodiversità. La bellezza del Parco è stata rivalutata dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) che protegge e preserva un bosco ultracentenario con 60 esemplari di larici e aceri alti fino a 45 metri. Per ristorarsi durante le camminate all’interno del Parco sono a disposizione dei visitatori diverse aree pic-nic attrezzate anche con dei divertenti giochi per bambini.
La Calabria è conosciuta in tutto il mondo per i suoi celeberrimi Bronzi di Riace, due sculture di mirabile fascino che furono recuperate nel 1972 sui fondali del mar Ionio da un giovane sub- Le statue dei Bronzi di Riace si trovano all’interno del Museo nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria, dove sono conservati altri reperti risalenti all’epoca greca.

La città di Reggio Calabria non soltanto è conosciuta per i suoi Bronzi ma anche per lo spettacolare Castello Aragonese, un’antica fortezza costruita nel 536 che è diventata nel 1956 la sede dell’Osservatorio dell’Istituto Nazionale di Geofisica.
Per continuare la scoperta della misteriosa Calabria, a pochi km da Reggio Calabria si trova il caratteristico paesino di Scilla, un piccolo borgo di pescatori arroccato su un promontorio molto apprezzato dai turisti per le sue spiagge dorate e il mare cristallino.

Sempre nella provincia di Reggio Calabria è situata Stilo, meglio conosciuta come la “Città del Sole”, un appellativo dovuto al suo celebre cittadino, Tommaso Campanella che nacque in questo paesino nel lontano 1568. Il borgo di Scilo merita assolutamente una visita per il suo centro storico costruito in perfetto stile medievale e per la stupenda Cattedrale di Stilo, unico esempio della regione di arte bizantina. Per godere appieno della bellezza e del fascino della regione, dovete assolutamente soggiornare in uno dei rinomati ed esclusivi villaggi in Calabria, strutture ricettive dotate di tutti i confort per un soggiorno all’insegna del relax e della buona cucina.

Un luogo magico e tutto da scoprire è posto sulla costa ionica della Calabria in provincia di Crotone, il comune di Isola Capo Rizzuto, un paradiso per chi ama l’arte e le spiagge. A soli dieci km da Isola Capo Rizzuto, nella frazione delle Le Castella si può ammirare un antico Castello che affonda le sue fondamenta direttamente nel mare.

Il Castello è un’antica fortezza aragonese completamente ristrutturata dove si svolgono durante la stagione estiva concerti, rassegne cinematografiche, manifestazioni enogastronomiche e tanti altri eventi.

La spiaggia delle Le Catella è una delle più apprezzate dai turisti, per la sua sabbia dorata, il suo mare color turchese e la sua rigogliosa e fitta vegetazione mediterranea.
Per finire il viaggio on the road nella meravigliosa Calabria, non si può non sostare in uno dei tantissimi ristoranti lungo la costa dove servono del pesce freschissimo e saporito, ma se volete conoscere la vera anima culinaria della Calabria bisogna spostarsi nell’entroterra e desinare in una trattoria tradizionale.

Il protagonista assoluto della cucina calabrese è il peperoncino, usato in quasi tutte le ricette tradizionali della regione, ma non solo basti ricordare la famosa cipolla di Tropea e la nduia: un salame spalmabile molto piccante da gustare su una fetta di pane abbrustolito condito con olio extra vergine di oliva delle campagne calabresi.

Da provare assolutamente in Calabria le paste fatte in casa dalle sapienti mani delle donne calabresi: strozzapreti, gnocchetti e stranguggi conditi con ragù di carne o con pesce fresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *